F STEFANO PADOVAN >  info

CURRICULUM VITAE

 



Stefano Padovan vive e lavora a Gorizia, città dove è nato nel 1965                                                 

Percorso formativo:

Dopo la scuola dell’obbligo ha conseguito nel 1986 il diploma di Maestro d’arte in decorazione plastica presso l’Istituto Statale d’Arte di Gorizia.

Il periodo successivo è segnato da varie esperienze quali lo studio della musica e un’iniziale ricerca di espressione artistica attraverso tecniche soprattutto pittoriche.

Nel 1988 nascono le prime sculture in ferro.

Nel 1996 ha inizio l’attività a tempo pieno di scultore. 

     

 

Presentazione del lavoro:     

La materia è percorsa in ogni suo punto da un’energia che le consente di assumere le più disparate forme e caratteristiche. Noi stessi ed il nostro mondo siamo manifestazioni di questa energia, come lo sono il vuoto, il vento, i suoni ed il silenzio. E’ questa la chiave di lettura da adottare nell’analisi dei miei lavori, che godono di vita propria e sono la trasposizione dei miei stati d’animo, ricordi ed emozioni”.

Con questa autopresentazione esordivo nel 1992 in occasione di una delle mie prime personali e devo dire che a distanza di tempo è ancora quella che preferisco in quanto è la più adatta a rappresentare la realtà del mio lavoro.

Indubbiamente sotto l’aspetto formale c’è stata un’evoluzione o perlomeno un cambiamento, magari molto lieve; ma l’animo e la filosofia di base sono rimasti invariati.

Nel dire che i miei lavori sono la “trasposizione materiale” di una mia emozione voglio intendere che se una scultura è intitolata “albero” essa non è tanto la rappresentazione figurativa od astratta dello stesso quanto la concretizzazione dell’emozione che il soggetto, in questo caso l’albero per l’appunto, ha generato nella mia anima.

 

---- O ----



"C’era una volta la terra: una terra o natura che leopardianamente vestiva gli abiti di madre e che accoglieva in sé molteplici semi sviluppati in altrettanti eterogenei frutti. C’è oggi una terra a tratti matrigna, costantemente asservita all’uomo che se ne serve come fosse semplicemente un mezzo per raggiungere i propri fini senza chiedersi cosa c’è al di là dei bisogni materiali e cosa succederà continuando a schiavizzare la natura. Rispondere a questi quesiti è una delle tensioni dell’arte: a volte secondariamente, a volte come nel caso delle sculture di Stefano Padovan più apertamente. Perché se anche in apparenza le sue opere possono essere motivate da bisogni decorativi o da spunti tratti da stralci di vita quotidiana, e se anche in prima battuta la sua ricerca può sembrare svolgersi nella direzione di una continua semplificazione formale, in realtà altri sono i motivi che emergono ad un’attenta analisi. La riflessione sul rapporto con la terra, attualmente viziato da uno sfruttamento indiscriminato da parte dell’uomo, conduce infatti l’artista ad omaggiare la natura adottando delle materie prime che garantiscono all’opera il particolare aspetto vissuto, tipico del metallo sottoposto alle intemperie e che è invece il risultato dell’unione di terra e legno. A tali materie semplici corrisponde la scelta di figure basilari, geometriche che oltre a sposarsi perfettamente con l’ispirazione dello scultore, sono il risultato dell’astrazione delle forme dispensate dalla natura. Le opere di Padovan sono quindi pezzi di materia che - plasmandosi – concretizzano l’emozione del momento: quella stessa emozione che porta l’artista a completare il proprio lavoro con un elemento magico, inconsciamente derivato dall’arte africana che, assieme alla plastica del surrealista Max Ernest, costituisce uno dei poli di riferimento dell’autore goriziano. A infondere infatti ulteriore poesia alle proprie creazioni e forse per trascendere da un modo di procedere molto legato alla materia, lo scultore imprime alle sue sculture la vita e il mistero dati dal numero tre, presente in forma di linee o quadrati che ricorrono come una firma del proprio lavoro ma che invece scaturiscono da un’insondabile zona dell’animo: quella stessa in cui alberga l’emozione. Ed è così che si può chiudere il cerchio, rispondendo alla domanda iniziale su cosa ci sia oltre i bisogni materiali: l’arte è uno dei “beni accessori”, oggi definibili “di lusso”, che aiutano a sognare, fantasticare e alleggerire la quotidianità con il suo portato di bellezza e spiritualità."

Eliana Mogorovich

 



Mostre personali:       

1991 “Stefano Padovan” - Galleria d’arte “IL Segno” - Cormons (Go) - Italia

1992  Personale con Monica Bernardini - Sala civica - Lucinico (Go) - Italia

1996  Personale con Alessandra Bernardis - Sala del “Gruppo Area di ricerca” - Dobbia (Go) - Italia

1996  “Stefano Padovan”Sala del “Circolo Artistico Mittelart” - Gorizia - Italia

1997  “Riflessioni formali” con Sergio Figar - Hotel Savoy - Grado (Go) - Italia

1998  “Tempo tagliato” - Enoteca Regionale “La Serenissima” - Gradisca (Go) - Italia

1998  “Personale” - Galleria “Il Salotto” - Como - Italia

1999  “La Luna nel Pozzo” - Biblioteca Statale Isontina - Gorizia - Italia

2000  “Sculture Luminose “ - Galleria “Il Salotto” – Como - Italia

2001 “ Nuvolae “ - Chiesa di S. Giorgio – Vermegliano / Ronchi dei Legionari (Go) - Italia

2007 “(in)Contemporanea-Teatro comunale Giuseppe Verdi - Gorizia - Italia

 

Mostre collettive:

1994 “ Transiti ” - Dongione Porta Udine - Palmanova (Ud) - Italia

1996 “ Luoghi diVersi” - Circolo Artistico Mittelart - Gorizia - Italia

1996 “ III Appuntamento Zanon ” - Circolo Artistico Mittelart - Gorizia - Italia

1997 “ Collettiva “  Meeting Point - Galleria della Cassa di Risparmio di Gorizia - Gorizia - Italia

1997 “ Orme d’ombra ” - Circolo Artistico Mittelart - Gorizia - Italia

1997 ” Collettiva ” - Circolo Artistico Mittelart - Gorizia - Italia

1997 “ Non solo Blu ” - Villaggio Albatros - Marina Julia (Go) - Italia

1997 Lumiere et Trasparence - Chateau de la Ballue - Bazouges La Perouse - Francia

1997 “ 37° Mostra Sociale Regionale ” - Centro Friulano di Arti Plastiche - Udine - Italia

1998 “ Etruriarte 9 ” - Venturina (Li) - Italia

1998 “ Contemporanea / Sodobna Umetnost 98 ” - Kulturni center: Lojze Bratuz - Gorizia - Italia

1998 Impressions dAsie - Chateau de la Ballue - Bazouges la Perouse - Francia

1998 “ 38° Mostra Sociale Regionale ” - Centro Friulano di Arti Plastiche - Udine - Italia

1998 “ Geometrie a confronto ” - Galleria Il Salotto - Como - Italia

1999 “ Anelare spazi indicati ” con S. Figar e  M. Busan - Hotel Savoy - Grado (Go) - Italia

1999 ” Omaggio a Volt@ ” - Galleria Il Salotto – Como - Italia

1999 “ 39° Mostra Sociale Regionale ” Centro Friulano Arti Plastiche - Udine - Italia

2000 “ Né di venere né di marte “ Borgo Colmello  Farra d’Isonzo (Go) - Italia

2000 “ 40° Mostra Sociale Regionale ”Centro Friulano Arti Plastiche – Castello di Udine - Udine - Italia

2001 “ Giardino Scultoreo di Terzo d’Aquileia “ Piazza Europa - Comune di Terzo d’Aquileia (Ud) - Italia

2001 “ Sculture a Treppo Carnico “  - Sala comunale - Treppo Carnico (Ud) - Italia

2001 “Omaggio a Gorizia “  mostra del millenario della città – Provincia di Gorizia - Kulturni Center Lojze Bratuz - Gorizia - Italia

2001 “ More or less “ - Museo della Civiltà Contadina Friulana – Colmello di Grotta – Farra d’ Isonzo (Go) - Italia

2002 “ Extravagante “Spazio culturale G. della Torre – Cassa di Risparmio di Gorizia – Gorizia - Italia

2002 ”Above ground ” - Museo della Civiltà Contadina Friulana – Colmello di Grotta – Farra d’ Isonzo (Go) - Italia

2002 “ Sottosopra “Villa de Brandis -  S. Giovanni al Natisone  (Ud) - Italia

2002 “ Underground “ - Enoteca Regionale “La Serenissima” - Gradisca (Go) - Italia

2002 “ 42° Mostra Sociale Regionale ” Centro Friulano Arti Plastiche – Castello di Udine – Udine - Italia

2002 “ Ruralia ” Stand del Comune di Gorizia – Fiera di Gorizia – Gorizia - Italia

2002 “ Artisti in piazza ”Comune di Gorizia - Piazza della Vittoria – Gorizia - Italia

2003 “Artisti Goriziani d’Oggi “- Comune di Gorizia- Auditorium della Cultura Friulana - Gorizia - Italia

2003 “ Collettiva ” - Associazione Culturale Anfora - Terzo d’Aquileia (Ud) - Italia

2003 “ Altrevolte “ - Biblioteca Statale Isontina - Gorizia - Italia

2003 “XVIII Mostra di pittura scultura e fotografia” -  Centro Friulano di Arti Plastiche- Antica chiesa di S. Silvestro Papa - Premariacco - (Ud) - Italia

2003 “Addizioni” Centro Civico di Lucinico - Gorizia - Italia

2003 “Contemporanea 2003” Fiera di Forlì - Forlì - Italia

2004 “Cinema: realtà e finzione” Auditorium della Cultura Friulana - Comune di Gorizia- Italia

2004 “ Dedicata al ferro” Centro d’arte contemporanea Torre Strozzi Loc.Parlesca - Perugia - Italia

2004 “ 10 Scultori del Centro Friulano di Arti Plastiche “Sala della Confraternita – Castello di Udine - Udine - Italia

2004 “XIX Mostra di pittura scultura e fotografia” - Centro Friulano di Arti Plastiche-

Antica chiesa di S. Silvestro Papa- Premariacco - (Ud) - Italia

2004 “DobiArtEventi 2004 - Memoria”   dobia.lab  - Dobbia / Staranzano  (Go) - Italia

2004 “Settimana d’arte”  Palazzo Regionale dei Congressi  - Grado  (Go) - Italia

2004 “ Voyeurisme “-  Biblioteca Statale Isontina  -  Gorizia - Italia

2004 “ Mare d’autunno “ - Campo Santa Niceta – Grado – (Go) - Italia

2004 “ 44° Mostra Sociale Regionale”Centro Friulano Arti Plastiche – Galleria Comunale d’arte moderna- Monfalcone (Go) - Italia

2004 “ Collettiva di pittura e scultura in occasione della presentazione del libro di Cesare Mocchiutti “ Associazione Culturale Anfora - Terzo d’Aquileia (Ud) - Italia

2005 “ Arhipelag ” collettiva d’arte transfrontaliera – Piazzale della Transalpina Gorizia / Nova Gorica - Italia/Slovenija

2005 “ IV biennale di scultura in ferro “  Centro d’arte contemporanea Torre Strozzi   Loc. Parlesca   Perugia - Italia

2007 “ Arhipelag ” collettiva d’arte transfrontaliera – Piazzale della Transalpina Gorizia / Nova Gorica - Italia/Slovenija

2007 “Arti in Pratika“ Centro Congressi Monte Zebio - Roma - Italia

2007 “Passaggi“ Mostra collettiva internazionale d'arte - Castello di Gorizia - Gorizia - Italia

2008 “Pinocchio e il Lupo“ - Casa Zannier - Cervignano del Friuli - (Ud) - Italia

2008 “Internationales Stahlsymposion 2008“ Simposio internazionale di scultura in acciaio - Riedersbach - Austria

2008 “Ninfe“ Comune di Gorizia - Regione Friuli Venezia Giulia _Parco del Comune di Gorizia - Italia

2009 “Internationales Stahlsymposion 2009“ Simposio internazionale di scultura in acciaio - Riedersbach - Austria

2009 “sKultura" Simposio internazionale di scultura - Gorizia“ Circoscrizione di S. Andrea - Italia

2009 “33 1/3 Interpretazioni artistiche delle copertine degli LP che hanno fatto la storia della musica“ Piazza Atleti d'Italia - Romans d'Isonzo - (Go) - Italia

2009 “Mostra degli Artisti premiati nelle edizioni 1986-2009“ Sala del Giubileo - Trieste - Italia

2010 “Vertigine del sacro“ Auditorium della Cultura Friulana - Galleria Dora Bassi - Galleria ARS - Galleria Prologo - Gorizia - Italia

 

 

Collocazione lavori:

    Esposizioni permanenti pubbliche:

Bar Balù - Gorizia - Italia                                                                                               

Chateau de la Ballue - Bazouges la Perouse - Francia                                                                    

Galleria d’arte “Il Salotto” - Como  - Italia                                                                                  

Biblioteca Statale Isontina  - Gorizia - Italia                                                                   

Punto Giovani del Comune di Gorizia - Gorizia - Italia                                                          

Bar Vittoria - Gorizia - Italia

Centro x l’arte contemporanea Torre Strozzi - Perugia - Italia

 

 

Collezioni private:

Italia:

Gorizia, Milano, Rovigo, Bergamo, Grado, Como, Saronno, Vicenza, Roma    Argenta, Bologna, Venezia, Padova, Trieste, Perugia

Francia:     

Paris, Bazouges, Marseille, Creteil

Germania:

Landshut

Libano:      

Beyrouth

Austria:     

Ferlach, Braunau am Inn, Linz, Lienz, Graz

Slovenia:    

Nova Gorica, Ljubljana, Čepovan, Ajdovscina, Kobarid

Svizzera:    

Zurich





Bibliografia essenziale:

Premio Lilian Caraian per le arti figurative 96 ” - Fondaz. Lilian Caraian, Comune di Trieste – Catalogo

Fare luogo all’inatteso ” - Comune di Gorizia, Circolo Artistico Mittelart, Associazione  Goriziagiovane – Catalogo

XXXVII Rassegna regionale d’arte ” - Centro Friulano Arti Plastiche - Galleria del Centro – Catalogo

Stefano Padovan ” sito http://www.caldarelli.it/padovan.htm - Videocatalogo

XXXVIII Rassegna regionale d’arte - Centro Friulano Arti Plastiche-Galleria del Centro – Catalogo

Contemporanea- Sodobna Umetnost ‘98 Avventure d’arte lungo il confine ” - Provincia di Gorizia, Edizioni della Laguna  - Catalogo

La Luna nel Pozzo   -Biblioteca Statale Isontina - Studio R2 Films              -Videocassetta VHS            

Giardino Scultoreo di Terzo d’Aquileia ‘ – Comune di Terzo d’Aquileia – Provincia di Udine – Comune di treppo Carnico

XXXIV Rassegna regionale d’arte ” - Centro Friulano Arti Plastiche-Galleria del Centro – Catalogo

XL Rassegna regionale d’arte ” - Centro Friulano Arti Plastiche-Galleria del Centro – Catalogo

XLII Rassegna regionale d’arte ” - Centro Friulano Arti Plastiche-Galleria del Centro – Catalogo

Dedicata al ferro ” Centro d’arte contemporanea Torre Strozzi   - Catalogo cd rom

Passaggi ” Prologo Cierre Edizioni - Catalogo

Ninfe ” Prologo Edizioni - Catalogo

Vertigine del sacro ” Prologo Edizioni - Catalogo





Partecipazioni:

1993  “Festa in piazza“ - Ex Tempore di scultura in legno     -      Comune di San Pier d’Isonzo – (Go)

2002  “Chocofestival“- Creazione di sculture in cioccolato  -        Gradisca d’Isonzo                  - (Go)

2003   “Il Muro del Tempo Quartiere di Piedimonte – Podgora     Gorizia  

2008 “Internationales Stahlsymposion 2008“ Simposio internazionale di scultura in acciaio - Riedersbach - Austria

2009 “Internationales Stahlsymposion 2009“ Simposio internazionale di scultura in acciaio - Riedersbach - Austria

2009 “sKultura" Simposio internazionale di scultura Gorizia“ Circoscrizione di S. Andrea - Italia

2009 “33 1/3 Interpretazioni artistiche delle copertine degli LP che hanno fatto la storia della musica“ Piazza Atleti d'Italia - Romans d'Isonzo - Gorizia - Italia